Bici da corsa Endurance

Offerte

PrestaShop

Bici da corsa Endurance

Diversi costruttori di bici da corsa offrono, accanto ai modelli tradizionali da strada, versioni endurance pensate per ciclisti che affrontano percorsi caratterizzati da elevato chilometraggio e notevole durata.

Si tratta di una tipologia che, inizialmente, è stata sviluppata e testata con successo in competizioni caratterizzate da tratti di pavè o porzioni di strade bianche, con l’intento di fornire agli agonisti, un mezzo specifico, il più performante possibile per questi percorsi.

Con la continua diffusione delle granfondo, con l’aumento delle ‘‘Randonnee’’ e di competizioni di lunga percorrenza, le caratteristiche tecniche di queste bici sono state il punto di partenza per modificare opportunamente le bici tradizionali.

Caratteristiche e geometrie dei telai endurance strada

Al di là dei materiali impiegati, prevalentemente compositi e leghe di alluminio, ci sono sicuramente delle differenze apprezzabili nelle geometrie.

Rispetto a un telaio corsa race della stessa misura, il carro posteriore e la distanza movimento centrale-asse ruota anteriore sono maggiori, naturalmente anche il passo, il tubo orizzontale lievemente più corto, il tubo sterzo sensibilmente più lungo, l’angolo di sterzo minore.

Nel complesso il telaio risulta più allungato, molto più stabile e confortevole su fondi dissestati.

Nel caso di compositi, molti costruttori dichiarano che hanno modificato le modalità di assemblaggio, con lo scopo di realizzare un telaio comunque rigido e performante in fase di pedalata, ma in grado di rispondere in maniera più elastica e progressiva possibile alle irregolarità del manto stradale e risultare più comodo e confortevole.

 

Pneumatici 

Nelle competizioni ciclistiche e in particolare tra i professionisti, sono usati prevalentemente tubolari, più performanti e confortevoli.

I ciclosportivi, in genere prediligono l’uso di copertoncini, molto più semplici da riparare in caso di foratura.

Per percorsi asfaltati le misure più usate sono 23 e 25mm, nelle classiche del Nord e in casi di competizioni con strade bianche, si utilizzano misure fino a 28 mm.

 

Parliamo di comfort

Sempre in argomento, ci sono ciclisti che mettono delle strisce di materiale ammortizzante sulla parti alte del manubrio prima di metterci il nastro, oppure fanno una doppia nastratura. Sono indicati anche i guanti con inserti ammortizzanti.

Per quanto riguarda la sella è quasi impossibile dare indicazioni generali, solo con l’esperienza si riesce a trovare la sella con la forma e l’imbottitura necessaria per essere confortevole anche dopo molte ore.

Per le tipologie endurance, in genere sono preferite posizioni più alte del tronco rispetto alla media, con minor scarto sella manubrio.

Vi segnaliamo tre costruttori (FOCUS, PISTIDDA, PINARELLO) che, al di là delle linee guida appena citate, hanno caratterizzato il telaio Endurance con particolari e differenti innovazioni tecnologiche.

Visualizzati 1 - 6 di 6 articoli
Visualizzati 1 - 6 di 6 articoli